Vacanze studio lavoro: imparare la lingua spendendo poco

Perché scegliere le vacanze studio lavoro all’estero

Lo studio di una lingua straniera è un’esperienza formativa fondamentale sia dal punto di vista culturale, sia per le competenze che si acquisiscono, e che si potranno poi spendere nel mondo del lavoro. Ovviamente il modo migliore per apprendere una lingua è trascorrere un periodo in un paese in cui è lingua ufficiale.

Chi vuole perfezionare la propria conoscenza della lingua, ma non ha la disponibilità economica per sostenere i costi legati al soggiorno all’estero, può ricorrere alle vacanze studio lavoro. Un’alternativa ai tradizionali corsi di lingua, che consente ai partecipanti di auto-finanziarsi, potendo trascorrere cosi anche lunghi periodi all’estero.

Studiare e lavorare all’estero consente di imparare la lingua e fare un’importante esperienza di vita, ma non tutti possono intraprendere questo cammino. Per partecipare ad una vacanza studio lavoro sono necessari innanzitutto impegno e determinazione. Due fattori fondamentali, non solo nello studio della lingua, ma anche per riuscire ad adattarsi in un ambiente sociale e culturale diverso dal proprio.

Lavoro all’estero con le vacanze studio: destinazioni e requisiti

Chi intende prendere parte a una vacanza studio lavoro può rivolgersi ad una scuola di lingua che organizza questo tipo di soggiorno. Le destinazioni tra cui scegliere sono molte sia in Europa che nel mondo. Si va dai Paesi europei più vicini, come Francia e Germania, fino alla fredda Russia e all’affascinante Giappone. Non mancano viaggi organizzati anche per chi desidera visitare gli Stati Uniti, il Canada o l’Africa.

Qualunque sia la meta desiderata, però, per partecipare alle vacanze studio lavoro è necessario conoscere la lingua del Paese di destinazione, almeno al livello base. Attraverso un colloquio, l’agenzia, o scuola di lingua, organizzatrice del corso valuta le competenze professionali di ogni candidato e successivamente , indica le posizioni lavorative disponibili in base al suo profilo e alle sue esperienze passate.

In linea di massima le attività lavorative proposte riguardano il settore dei servizi. Sarà possibile quindi trovare un impego come lavapiatti in un ristorante o come receptionist in un hotel, ma anche lavorare in un fast food o fare il cameriere in un locale. Tutto dipende dalle capacità e dalle conoscenze del partecipante.

Lavorare all’estero con le vacanze studio lavoro: quali le attività previste

Allo stesso modo il raggiungimento degli obbiettivi prefissati è strettamente legato alla capacità del soggetto di ambientarsi sul posto di lavoro, apprendere velocemente le mansioni che gli saranno assegnate e dal livello di conoscenza della lingua. I partecipanti possono scegliere se frequentare il corso di lingua contemporaneamente all’attività lavorativa, oppure fare un periodo di studio intensivo alla fine del quale si inizierà a lavorare.

È benne precisare che la maggior parte delle agenzie che organizza questo tipo di soggiorni prevede anche la soluzione la soluzione “alla pari”. Riservata alle ragazze, questa tipologia di soggiorno prevede la permanenza presso una famiglia residente nei pressi della scuola di lingua dove si terranno i corsi.

La mattina le ragazze frequentano i corsi, e il pomeriggio aiutano la famiglia ospitante a svolgere le faccende domestiche e a prendersi cura dei bambini. In cambio sono offerti vitto e alloggio e, in alcuni casi, anche una piccola retribuzione (circa 100 euro al mese).

vacanze studio lavoro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.